Successioni

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE è un atto amministrativo fiscale che non necessita dell’intervento di un pubblico ufficiale (notaio).

La successione si apre al momento della morte e la relativa dichiarazione va presentata entro 12 mesi dal decesso all’Agenzia delle Entrate competente in base all’ultima residenza del defunto.

Rappresenta il passaggio del patrimonio attivo e passivo dal deceduto agli eredi dal quale scaturiscono obblighi di natura tributaria e giuridica in capo agli stessi che decorrono dal giorno del decesso (pagamento di IMU, TASI, IRPEF e l’eventuale obbligo dichiarativo) nonché sanzioni in caso di omissioni, dichiarazioni infedeli e tardiva presentazione.

Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione di successione gli eredi, i chiamati all’eredità, i legatari, i rappresentanti legali degli eredi o dei legatari, i tutori, i curatori dell’eredità, gli amministratori di eredità, gli esecutori testamentari o gli immessi nel possesso temporaneo dei beni dell’assente ed i trustee.

Non è obbligatorio presentare la dichiarazione di successione quando l’eredità è devoluta al coniuge ed ai parenti in linea retta del defunto e l’attivo ereditario (valore lordo dei beni) ha un valore non superiore a euro 100.000 e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

 Imposte di trascrizione

I soggetti tenuti alla presentazione della dichiarazione di successione dovranno provvedere in autoliquidazione al versamento delle imposte catastali e ipotecarie dovute in presenza di beni immobili.

Il calcolo delle imposte e la compilazione della delega di pagamento sono predisposte dal CAAF CGIL.

L’imposta di successione

L’imposta di successione, quando dovuta, riguarda tutti i beni ed i diritti trasferiti per causa di morte e viene liquidata successivamente alla presentazione della dichiarazione di successione dall’Agenzia delle Entrate competente.

La voltura catastale

Dal momento della registrazione della dichiarazione decorrono 30 giorni per presentare la domanda di voltura presso i competenti uffici (Catasto), al fine di aggiornare l’intestazione catastale dei beni immobili.

Dal 1° gennaio 2019 diventerà obbligatoria la presentazione e trasmissione telematica della dichiarazione di successione per le successioni aperte dal 3 ottobre 2006.

 RIUNIONE DI USUFRUTTO:

Se il deceduto era titolare di usufrutto o altro diritto reale su beni immobili occorre presentare domanda di voltura catastale presso i competenti uffici (Catasto).

Il personale dell’ufficio successioni è in grado di rispondere al meglio nella fase di preparazione e definizione della dichiarazione di successione con le modalità previste dalla normativa vigente.

Eseguiamo inoltre PERIZIE DI STIMA AREE SCOPERTE E ACCATASTAMENTI.

CAAF CGIL: ASSISTENZA QUALIFICATA CON UN POSSIBILE RISPARMIO FINO AL 60% RISPETTO A MOLTI LIBERI PROFESSIONISTI! 

 

 puoi scaricare qui l'elenco dei documenti necessari per:


 DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

 ACCRESCIMENTO/RIUNIONE/TRASFERIMENTO DI USUFRUTTO